Heidelbeer pie con accompagnamento voluminoso

Storie, storie, storie. Il giornalista, quello un po’ bravo, quello pagato, un po’ in via di estinzione, vive di storie. Lo scrittore pure.
Perché c’è una bella differenza fra scrivere bene di niente, ed avere qualcosa da dire.  Devo dire la verità, conosco diverse persone che sanno scrivere bene.
Dico un po’ di più la verità, tante volte ho sentito rivolgermi il complimento: mi piace molto come scrivi. Ecco, io non lo so se sia un complimento. Non ti dovrebbe piacere cosa scrivo soprattutto?

Ti può piacere quello che disegno, se non disegno niente? Insomma, cosa fa un buon scrittore, un buon giornalista? Cosa li differenzia da uno che “scrive bene”?  Siccome in tanti leggete ogni giorno, magari qualcuno mi potrà dire la sua.
La mia è: le storie.

Oggi ho trovato due storie, inaspettatamente, sotto la pioggia. Non posso rivelarle, non ancora, perché, appunto questo è  il mio lavoro: fare tesoro delle storie.

Consiglio di consumare questa torta accompagnandola con una storia bella, senza tempo, come quella degli intellettuali francesi del dopoguerra, quella di un omicidio a San Pietroburgo, quella di un condottiero tradito. Niente chiacchiere oggi, un bel libro spesso in cui accadono tante cose ed una torta, piena di deliziosi mirtilli tedeschi.

Ingredienti

Pasta frolla:
200gr farina
50gr zucchero
un pizzico di sale
acqua
100gr burro
1 uovo

Ripieno:
500 gr di mirtilli
100 gr zucchero a velo
20gr fecola di patate
3 uova
250ml panna

Mischiare la farina, lo zucchero ed un pizzico di sale. Aggiungere 4 cucchiai d’acqua e disporre a fontana. La definizione a fontana è fortemente fuorviante.
In realtà bisogna fare una montagna con gli ingredienti secchi e lasciare un buco in mezzo. In pratica: un vulcano. Questo mi ricorda che devo chiedere a mia nipote se ha costruito il vulcano che le ho regalato. Questo mi ricorda che devo smettere di tergiversare o stasera non vado più a dormire.

Adesso arriva la parte divertente. Circondare il vulcano di fiocchetti di burro. Versare l’uovo al centro del vulcano. Con un coltello, fare il gesto di tagliuzzare tutto il vulcano, fiocchetti di burro compresi.

O l’autore della vecchia enciclopedia di cucina si è divertito tanto a prendere in giro le casalinghe degli anni settanta o più probabilmente ho capito male il libro, che è tutto in tedesco.

Amalgare il tutto con le mani fredde, fredde mi raccomando o il burro si scioglie. Per lo stesso motivo, amalgamare solo il  tempo necessario. Assaggiare. Perché? Perché è buono.

Altra parte divertente: fare una palla con la pasta, avvolgerla nella pellicola trasparente e metteral in frigorifero per almeno un’ora.

E’ passata un’ora?

Adesso?

Bene. Stendere la pasta in una teglia, le mie preferite sono quelle di 22 cm di diametro, la pasta deve ricoprire il fondo della teglia imburrata e i bordi fino a circa 4cm di altezza. Rimettere in frigo mentre si prepara il ripieno

Mescolare lo zucchero con la maizena (o la fecola, tutti e due sono amidi vegetali- perché ci piace cucinare, ma abbiamo anche fatto le scuole grosse), le tre uova e la panna.

Spargere i mirtilli lavati (ma lo devo dire che i mirtilli vanno lavati?) sul fondo della torta. Riscaldare il forno a 180°.

Ricoprire i mirtilli con il liquido ripieno, i più coraggiosi nuoteranno verso la superficie.

Cuocere a 180° per 30 minuti. Servire tiepida spolverizzata di zucchero a velo.

Siccome di errori e torte si parla devo essere onesta. La prima volta che ho fatto questa torta è venuta fuori deliziosa, non riuscivo a smettere di mangiarla (e direte voi, che differenza c’è con le altre torte?)  Orso la sorvegliava giorno e notte. CHE FORTUNA.

La seconda volta ho sostituito i mirtilli con le more, raccolte dei miei piccoli nipoti aiutanti che ne hanno mangiato la metà per strada. E’ stato un errore, non i mirtilli mangiati, io sono la zia giovane e divertente, non mi occupo dei mal di pancia, ma mettere le more nella torta: sono troppo piene d’acqua ed il ripieno non è venuto altrettanto buono.

Una cosa che avete capito, è che mi diverto con poco, soprattutto se si mangia.

Torta ai mirtilli che sta per essere mangiata

Annunci

8 risposte a “Heidelbeer pie con accompagnamento voluminoso

  1. ricordo la torta con le more che abbiamo mangiato aPonti la prossima volta i piccolini mandali a raccogliere i mirtilli cosi anche noi assaggeremoquesta deliziosa torta,Ciao L.

  2. Se posso permettermi un consiglio: impastare, finché ci si riesce, con due cucchiai, così le mani le si usa ancora meno. Io con la crostata e la quiche faccio così, mi sa che la prossima volta provo la tua.

    • Grazie mille per il commento! Come dicevo, ho usato come ispirazione il libro tedesco che vedi nella foto, ed il mio tedesco è elementare… quindi magari il procedimento è un po’ approssimativo! Comunque impastare con le mani il meno possibile (con la punta delle dita, ad esempio) è il segreto per una pasta frolla con la giusta consistenza! Gaia

  3. Incredibile!!! Gaia!!!
    Ho trovato casualmente questo blog e me lo sono letto tutto sperando che fossi tu (senza dubbio la miglior compagna del corso di teatro del liceo!!!): direi che i capelli fucsia from brianza un po’ ti inchiodano!
    Beh che dire: Mi piace da morire come scrivi quello che scrivi. Interpretalo come vuoi ma rimane quello che penso di questo blog…

  4. …. Giovanni? Adesso mi incuriosisce sapere come mi hai trovata. Dal tuo commento si vede che hai letto tutto, quindi sai che scrivero’ ancora e ancora almeno una volta alla settimana, passa dal blog quando vuoi!
    Mi rimane un dubbio: come lo dovrei o non dovrei interpretare?

  5. Lunga e noiosa storia: il blog l’ho trovato dalla tua pagina di linkedin che ho trovato scrivendo su google il tuo nome un giorno che cazzeggiando al lavoro ascoltavo musica da youtube. Elemento scatenante di tutto questo è stato il testo della canzone!
    Si lo so è un po da squilibrato sta cosa…ma che ci vuoi fare: ognuno ha i suoi problemi! ahah

  6. Hey, that post leaves me feeling fohlosi. Kudos to you!

  7. Não entendo porque se espantar com o descaso dos governantes. Foi um serviço de porco do início ao final do mandato. Deveriam ser investigados e punidos esses irmãos metralhas… Dois bandidos safados e sem caráter!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...